Skip to Content

AGCOM espone la cruda realtà del divieto di pubblicità in Italia

AGCOM espone la cruda realtà del divieto di pubblicità in Italia

Chiuso
per febbraio 23, 2020 Uncategorized

L’organismo italiano di regolamentazione dei media e della pubblicità ha pubblicato le tanto attese linee guida sulla pubblicità del gioco d’azzardo in Italia, portando trasparenza al mandato approvato “Dignity Decree” installato dal governo della coalizione Lega-5Star.

Gli stakeholder italiani del settore delle scommesse hanno aspettato un anno che l’AGCOM pubblicasse la sua guida normativa sul Dignity Decree, che dal 14 luglio 2019 attuerà un divieto assoluto e generalizzato della pubblicità del gioco d’azzardo e delle scommesse.

Il governo della Lega-5Star ha esortato l’AGCOM a introdurre le sue linee guida sul Dignity Decree “Articolo 9” entro l’inizio dell’anno. Tuttavia, a seguito di un appello della governance di Serie A, l’autorità di regolamentazione ha convenuto di non poter approvare le linee guida su un “mandato incompleto”.

Ciò ha consentito alle società sportive italiane di ottenere un’ulteriore concessione per adempiere a qualsiasi accordo esistente in materia di scommesse, sponsorizzazione del gioco d’azzardo o commercializzazione fino al luglio 2019.

Venerdì scorso l’AGCOM ha pubblicato le sue linee guida, presentate alle parti interessate come “chiarimenti interpretativi” per “l’orientamento degli operatori del settore concessionario sulla corretta applicazione dell’articolo 9 del Decreto Dignità”.

Nel suo aggiornamento, l’AGCOM ribadisce di aver elaborato le proprie linee guida tenendo conto dei contrasti tra gli operatori del gioco d’azzardo autorizzati e quelli illegali che si rivolgono ai consumatori italiani.

Portando la chiarezza legislativa all’articolo 9 del Decreto, l’AGCOM conferma il divieto assoluto di pubblicità, sponsorizzazioni, marketing e comunicazioni commerciali che promuovono gli operatori del gioco d’azzardo e i loro servizi.

A partire dal 14 luglio, tutte le imprese italiane del settore dei media non potranno esporre comunicazioni pubblicitarie/marketing con premi, incentivi, eventi, mercati o prodotti legati al gioco d’azzardo.

Il divieto si estende inoltre all’utilizzo di servizi editoriali/pubblicitari, inserimenti di prodotti e referral effettuati da “influencers”.

La posizione dura del decreto vede l’AGCOM limitare la pubblicità delle scommesse alle “quote informative” – definite come annunci che promuovono “informazioni su base comparativa”, che dovrebbero consentire agli operatori storici di promuovere le disposizioni standard di prodotto come le quote, la % dei giochi vincenti e i dettagli di gioco/mercato.

Tuttavia, l’AGCOM sottolinea rigorosamente che non si può ritenere che gli operatori promuovano “qualsiasi incentivo a registrarsi o a giocare”.

Per quanto riguarda la pubblicità in loco e le comunicazioni promozionali, AGCOM afferma che gli operatori saranno autorizzati a promuovere “le specifiche di prodotti e servizi” che includono quote, jackpot, % di vincite, bonus, dettagli del gioco e premi per i giocatori – dice che queste comunicazioni saranno consentite al fine di “permettere ai consumatori di fare scelte informate”.

Un’ulteriore guida digitale vede AGCOM sottolineare che non ci saranno restrizioni sui domini del sito e che il regolatore non proibirà o limiterà l’uso dei motori di ricerca per i domini o i termini del gioco d’azzardo.

A livello di vendita al dettaglio, l’AGCOM permetterà la pubblicità dei servizi di scommesse/giochi d’azzardo all’interno dei punti vendita autorizzati, una mossa elogiata dalla Federazione Italiana Tabaccai.

Un’ulteriore guida vede l’AGCOM permettere che le comunicazioni pubblicitarie B2B siano consentite all’interno di pubblicazioni specialistiche gestite da aziende. L’autorità di regolamentazione permetterà alle società di scommesse/giochi d’azzardo di promuovere iniziative sociali e di beneficenza, tuttavia, le campagne sociali o civiche non potranno mostrare i dettagli delle società di scommesse.

Per quanto riguarda il futuro, l’AGCOM precisa che sosterrà la supervisione della pubblicità/marketing delle scommesse italiane in qualità di consulente legislativo dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli – ADM, l’ente capofila che ha il compito di supervisionare una nuova alba per il gioco d’azzardo italiano. Lista dei migliori siti scommesse sportive online.

Precedenti
Successivo